a

Virtus Vesuvio-Valle 6-2. Annunziata on fire: le foxes già vedono la finale!

Sogno o son desto? Prestazione praticamente perfetta per la Virtus Vesuvio che con un tennistico 6-2 si è sbarazzato della pratica Valle, ipotecando l’accesso alla finalissima di Coppa Campania. Disintegrata la resistenza del team casertano, schiantato dalla straordinaria vena realizzativa di Annunziata (autore di un pokerissimo, ndr), mattatore della serata al “Comunale”.
Tema tattico del match già definitivo dalle prime battute. La Virtus fa la partite, il Valle chiude tutti gli spazi e strizza l’occhio al contropiede. L’equilibrio si spezza al minuto 19: azione corale da applausi dei vesuviani, Annunziata a tu per tu col portiere non sbaglia, 1-0. Reazione immediata dei casertani che dopo cinque minuti potrebbero pareggiare i conti ma l’altro Annunziata, Raffaele, chiude lo specchio in uscita a Gammella. Scampato il pericolo, le foxes ingranano la quarta e firmano il raddoppio. Gran recupero palla di Postiglione che legge l’inserimento di Annunziata per il meritato 2-0. Il gol taglia le gambe al team di Maddaloni che a cinque dall’intervallo subisce anche il tris, ancora ad opera di Annunziata che fiuta l’errore in uscita di Magliocca e lo anticipa per il 3-0 che manda le squadre negli spogliatoi.
Nella ripresa lo spartito non cambia. La Virtus non è sazia e passano appena quattro minuti per trovare il poker con una fucilata da fuori area ancora del bomber Annunziata. Ma non è finita qui perchè al 55′ arriva anche il quinto gol. Nisi cerca e trova Trombetta, controllo in drop e lob a scavalcare Magliocca in uscita per il 5-0 che strappa applausi a tutti i presenti al “Comunale”. Sembra ormai fatta ma la ripresa riserva ancora diversi sussulti. Il Valle, nonostante il passivo, non smette di crederci ed approfitta di un improvviso black-out per bucare due volte Annunziata nel giro di cinque minuti: Gammella prima ed Izzo poi accorciano sul 5-2. La Virtus si scuote immediatamente e riprende in mano le redini del match: Ambrosio e Prisco cercano la via del gol ma senza fortuna. Il sesto sigillo è soltanto rinviato. Minuto 88, azione fotocopia al terzo gol: Annunziata anticipa ancora una volta Gammella in uscita, tocco beffardo di punta per il 6-2 che chiude la contesa e spiana la strada agli ottavianesi verso la finale (nell’altra sfida si deciderà tutto al ritorno dopo lo 0-0 tra Longobarda Salerno e Baronissi, ndr).

Share With: