a

Virtus Vesuvio-Real Rovigliano 1-0. Decide Ambrosio, foxes promosse in Prima Categoria!

Che la festa abbia inizio. C’è un certo feeling tra la Virtus Vesuvio ed i play-off: un filo sottile che lega le foxes agli spareggi promozione. O forse, semplicemente, nei momenti chiave, quando il pallone comincia a scottare, la truppa di D’Avino ruba la scena perchè sa esattamente cosa fare.
Dalla Terza alla Seconda, dalla Seconda alla Prima Categoria. Due promozioni in due anni, una rapida scalata quella intrapresa da un club giovane ma ambizioso, che vuole continuare a scrivere pagine indelebili nella storia del calcio ottavianese. Ma aldilà del palmares, dei titoli in bella mostra in bacheca, patron Ammirati può fregarsi le mani anche per un altro aspetto, che non passa di certo in secondo piano: oggi erano in 800, o forse più, a colorare le gradinate di un “Comunale” vestito a festa. Un riconoscimento vero e genuino, la passione di una piazza per un progetto nuovo e destinato a crescere.
Tornando alle questioni di campo, il rettangolo verde ha raccontato di un dominio pressochè totale da parte dei padroni di casa. Un duello vinto alla distanza anche per una condizione atletica certamente migliore da parte delle foxes. Il caldo non ha certamente favorito il ritmo di gioco ma fin dal calcio d’inizio la Virtus ha provato a fare la partita, a caccia del guizzo che indirizzasse il match. Obiettivo centrato poco prima del quarto d’ora di gioco. Lancio dalle retrovie, Ambrosio sfugge alla linea difensiva degli oplontini, beffando l’ultimo difensore con un delizioso lob che vale l’1-0. Il vantaggio galvanizza i padroni di casa che tengono il pallino del gioco, senza però riuscire a centrare nuovamente il bersaglio grosso. D’Urso ci prova su punizione, palla di poco a lato; ghiotta chance anche per Franzese, conclusione dalla lunga distanza che termina di poco oltre il montante.
Nella ripresa i ritmi calano ulteriormente, mister D’Avino prova a rimescolare le carte inserendo Giugliano, Nisi ed Ammaturo in luogo di D’Urso e Prisco e Franzese. Forze fresche per provare a chiudere i giochi, il Real però ha il merito di non mollare ed al minuto 83 sono proprio gli ospiti a sfiorare il pari con una conclusione a giro di Carlucci dalla media distanza che termina fuori di un soffio. Due giri di lancette ed ancora brividi al “Comunale”: filtrante di Matrone per Carlucci, il numero 10 giallorosso da buona posizione spara alle stelle. Scampato il pericolo, la Virtus riprende saldamente in mano le redini del match: Annunziata arma il destro di Massa, conclusione pericolosa che Del Gaudio accompagna sul fondo. Nel finale un’espulsione per parte: doccia anticipata per Ammaturo e Barbato per reciproche scorrettezze. L’ultima occasione, in pieno recupero, porta la firma di Giugliano: tiro potente, Del Gaudio si rifugia in corner. Triplice fischio, bandiere e vessilli al vento al “Comunale” per celebrare il grande salto in Prima Categoria della Virtus Vesuvio: un’altra annata da celebrare e ricordare prima di ripartire, più forti di prima.

Share With: