a

Virtus Vesuvio-Real Acerrana. Niente “Comunale”: foxes costrette ad emigrare al “De Cicco”

Vigilia di coppa per la Virtus Vesuvio. Accantonato il secondo ko in campionato contro lo Striano, domani i ragazzi di coach D’Avino ritroveranno di fronte la Real Acerrana per il match di ritorno del secondo turno di Coppa Campania.
Fischio d’inizio posticipato alle 19, cambia però il teatro della sfida. Il “Comunale” di Ottaviano, infatti, non sarà a disposizione delle foxes, costrette ad optare per il “De Cicco” di Sant’Anastasia. Il motivo è strettamente legato alle condizioni precarie dell’impianto d’illuminazione: soltanto due fari su quattro al momento risultano funzionanti senza però offrire garanzie di tenuta. Un rischio fin troppo alto per la società che – tradotto – non vuole trovarsi nella condizione di dover salutare la competizione a tavolino in caso di improvvisa interruzione di corrente (così come prevede il regolamento, ndr).
Fitti e continui i colloqui con le autorità comunali che non sono però riuscite fino ad ora a correre ai ripari: l’iter burocratico è stato già avviato ma i lavori non sono ancora cominciati, costringendo il sodalizio vesuviano a vagliare, per il momento, altre ipotesi. Ieri l’ultimo sopralluogo prima di sancire l’accordo per poter disputare la partita presso l’impianto di Sant’Anastasia: “Siamo rammaricati per questa soluzione del tutto forzata – spiega ai nostri microfoni il patron Luigi Ammirati -. Avevo ricevuto rassicurazioni nelle scorse settimane, evidentemente qualcosa non è andato per il verso giusto, rallentando i lavori di manutenzione. Speriamo di poter contare presto sul nostro impianto, a Sant’Anastasia abbiamo già giocato in occasione di gara-2 del primo turno contro lo Striano, riuscimmo ad imporci per 3-1 e spero che questo precedente possa essere di buon auspicio anche per il match di domani”.

Share With: