a

Virtus Vesuvio Ottaviano-Vis Frattaminorese 1-3. Tonfo casalingo: foxes fuori dalla Coppa Campania

Prosegue il momento no della Virtus Vesuvio Ottaviano che saluta la Coppa Campania dopo il 3-1 subito a domicilio dalla Vis Frattaminorese. Non è bastata alle foxes una buona prestazione per provare a strappare il pass per i quarti di finale dopo l’incoraggiante 2-2 maturato all’andata.
Nonostante le assenze da una parte e dall’altra, il match si rivela piacevole fin dalle prime battute. Gli ospiti pressano alla ricerca del gol del vantaggio, i vesuviani rispondono presente e si affidano alle invenzioni di Auricchio per provare a sbloccarla. Due le occasioni costruite dal bomber ex Sparta e Sporting Barra prima del fulmineo 0-1 siglato dalla Vis sul finire della prima frazione dal solito Ciocia su preciso assist di Liguori.
Nella ripresa ecco servita la reazione dei padroni di casa che, scollinata l’ora di gioco, trovano l’1-1 proprio con Auricchio (al terzo centro in due apparizioni tra coppa e campionato, ndr). Il pari però si rivela una magra consolazione perchè, di lì a poco, gli ottavianesi restano in dieci per il doppio giallo rimediato da Manzi. I ragazzi di mister Valente fiutano l’occasione ed al 68′ si riportano avanti grazie al siluro di Barbato, sporcato in rete da D’Urso per il più classico degli autogol. Nonostante l’inferiorità numerica, la Virtus reagisce d’orgoglio senza però riuscire ad agguantare il pari. Nel finale, la Vis sfrutta le praterie concesse in contropiede per chiudere i giochi con Castiello che sigla indisturbato l’1-3.
Fuori dalla coppa ed in netto ritardo in campionato, quello vissuto dalla Virtus Vesuvio Ottaviano è certamente un momento complicato destinato però a concludersi a breve secondo quanto rivelato dal patron, Luigi Ammirati: “Dispiace, purtroppo in questo mondo funziona così. Nonostante gli sforzi della società, l’impegno dello staff tecnico e l’abnegazione dei calciatori, in questa fase i risultati non riescono a darci ragione. Peluso gode della mia massima stima, il suo impatto è stato ottimale e rappresenta per noi una grande risorsa. Dobbiamo ritrovare noi stessi, accantonando le assenze, gli infortuni, i troppi cartellini e torti arbitrali che fino a domenica hanno guastato il nostro cammino. Credo in questo gruppo e sono sicuro che sapremo tutti venirne fuori”.

Share With: