a

Virtus Vesuvio. Fine del 2018, bilancio in attivo per il patron Ammirati: “Anima e corpo per questo progetto ambizioso”

Lo champagne è già in fresco. Il 2018 è stato senza dubbio l’anno della Virtus Vesuvio: la neonata realtà calcistica ottavianese, al primo anno d’attività, ha centrato subito l’obiettivo, guadagnandosi sul campo la promozione in Seconda Categoria passando per le forche caudine dei play-off. Oggi, nella corrente stagione, i vesuviani si sono ben presto scrollati di dosso l’etichetta di cenerentola del torneo, dando da subito l’impressione di avere tutte le carte in regola per lottare per qualcosa di importante anche in un girone forte ed equilibrato.
Nonostante la pausa natalizia, la squadra ha continuato a lavorare duramente al “Comunale” per non perdere motivazioni e ritmo partita; nei giorni scorsi, presso il ristorante “Il Caino” di Ottaviano, squadra, dirigenza e staff tecnico si sono riuniti per salutare con tanta allegria la fine del 2018. La nostra redazione ne ha approfittato per contattare il patron delle foxes, Luigi Ammirati, che ai nostri microfoni ha tracciato il suo personalissimo bilancio sull’anno che sta per chiudersi: “Poco più di dodici mesi fa è iniziata questa avventura quasi per gioco, ma ora
mi ritrovo immerso in un progetto ambizioso dove alla base ci sono soprattutto amore e passione per questo sport. Il primo anno calcistico si è concluso nel migliore dei modi, con una promozione succo di tanti sacrifici, di un mister (Antonio D’Avino, ndr) che ad oggi reputo il mio miglior acquisto, e di un gruppo di ragazzi che avevano tanta voglia di stare insieme. Abbiamo iniziato la nostra seconda stagione con grandi ambizioni, abbiamo migliorato la rosa a disposizione del mister, abbassando anche l’età media dei calciatori mettendo i giovani, soprattutto del nostro paese, al centro del progetto; abbiamo migliorato anche lo staff dirigenziale al quale sono molto grato per quanto fatto finora e sono sicuro che con queste basi anche quest’anno potremo dire la nostra fino alla fine”.
Sogna in grande il numero uno degli ottavianesi che, in chiusura, svela i piani futuri per la sua piccola grande realtà: “Ci tengo a precisare però che la voglia e le mie intenzioni sono quelle di portare questa squadra il più in alto possibile e questo sarà possibile non solo grazie al nostro contributo ma anche grazie al lavoro delle istituzioni comunale, le quali ringrazio per il lavoro fatto finora e per quello che sono sicuro faranno per aiutarci a crescere e riaccendere la passione dei nostri concittadini per questo bellissimo sport. Auguro a tutti buon anno, nella speranza che sia pieno di amore e salute e soddisfazioni personali a tutti i nostri tesserati e a tutti i nostri tifosi”.

Share With: