a

Virtus Ottaviano. Pagano ufficializza il rinnovo: “Affezionato a questi colori”

Lavoro senza sosta. Proseguono, a fari spenti, le grandi manovre della Virtus Ottaviano in vista della prossima ed avvincente stagione. L’Eccellenza, conquistata con sacrificio e sudore, è palcoscenico ambito ma denso di ostacoli e la proprietà ha tutta l’intenzione di evitare spiacevoli sorprese, strizzando l’occhio alla programmazione di un progetto destinato ad essere completato step by step.
Sotto l’aspetto tecnico, la dirigenza lavora su un doppio fronte: da un lato il mercato, i nuovi possibili arrivi, dall’altro il fronte rinnovi. In tal senso, dopo quello di Bellofiore, è arrivata un’altra importante riconferma, quella dell’attaccante Claudio Pagano.
Il bomber ex Turris, arrivato ad Ottaviano lo scorso dicembre, si è legato ai colori rossoblù anche per la prossima stagione, pronto come non mai a vivere sulla propria pelle una grande sfida chiamata Eccellenza: “Sono davvero felice ed orgoglioso di proseguire qui la mia carriera. Ho scelto la strada della continuità perchè qui mi sento a casa, ho legato con tutti, dalla società ai giocatori, c’è l’ambiente giusto per costruire qualcosa di speciale”.
Piccolo salto all’indietro per Pagano che rivive ai nostri microfoni la stagione appena conclusa, cominciata male per un infortunio ma conclusa alla grande con la festa promozione contro il Grotta: “Di quella domenica conservo un gran ricordo. Ancor prima di scendere in campo per il riscaldamento sono rimasto colpito da quel fiume di persone, i nostri tifosi, che nonostante il divieto hanno circondato l’impianto pur di seguire quella finale. Questa cosa mi ha fatto rabbia ma allo stesso tempo mi ha dato una carica impressionante per dimostrare chi fossimo realmente, c’era la netta impressione che qualcosa, o qualcuno, remava contro di noi. Non avevano però fatto i conti con le nostre motivazioni, la nostra voglia di combattere in campo, col sostegno dei nostri tifosi. La gara è stata dura, il Grotta non ha mai mollato ma con grande tempra ed esperienza siamo riuscita a condurre la nave in porto, colpendo sempre al momento opportuno. Il resto, lo sapete, è già storia. Bilancio personale? La mia parentesi non è cominciata nel migliore dei modi, ho subito una grave operazione che mi ha tenuto lontano dai campi per oltre un mese, mentalmente non l’ho vissuta bene, è stato un duro colpo ma la squadra ha continuato a fare grandi cose e questo è stato uno stimolo per me per cercare di recuperare bruciando le tappe. Sono rientrato in tempo per il finale di stagione, non ero al meglio ma non mi sono tirato indietro. Ho stretto i denti e grazie al sostegno dei miei compagni siamo andati avanti fino alla fine, raggiungendo un traguardo storico”.
Ora però, quel traguardo, tocca difenderlo con le unghie e con i denti: “Conosco la categoria, siamo in un’altra realtà, dovremo ben presto dimenticare quanto di buono costruito in Promozione. Io sono fiducioso, confido nei programmi della società, dovremo lavorare duro da agosto, la preparazione sarà fondamentale per costruire una tranquilla salvezza”.

Foto: campaniafootball.com

Share With: