a

Virtus Ottaviano. Dirigenza, staff tecnico e squadra in coro: “Andrà tutto bene”

Distanti ma…uniti. Uno slogan, un mantra che – da un mese a questa parte – ha fatto breccia nel cuore di tutti gli italiani, coinvolti in una battaglia contro un nemico invisibile di cui, soltanto ora, cominciano ad intravedersi all’orizzonte i primi bagliori di luce. Anche la Virtus Ottaviano ha fatto sue queste tre parole e – nel suo piccolo – attraverso le voci dei suoi protagonisti ha voluto lanciare un messaggio forte e chiaro a tutta la comunità che si ritrova a dover far fronte ad un’emergenza senza precedenti.

Onofrio Albano: “E’ in questo momento che dobbiamo considerare le cose buone che il Signore ci ha donato: famiglia, amici e soprattutto salute”.

Riccardo Iervolino: “E’ una situazione dura da digerire per lo spavento tangibile e inconscio che viviamo, per la chiusura forzata nelle rispettive abitazioni, per l’incertezza del domani. Spero presto che tutto passi e nel migliore dei modi per tutti”.

Giovanni Somma: “Con un po’ d’intelligenza e coesione generale ne usciremo presto!”

Alessandro Falanga: “Credo che sia una situazione complicata perché il virus oltre a far paura ha indotto un rallentamento generale. Sarà dura ripartire in futuro ma sono sicuro che ce la faremo”.

Francesco Miranda: “Combattiamo contro un nemico invisibile il che rende tutto ancora più complicato ma uniti più che mai e con un po’ d’intelligenza ne usciremo vincitori”.

Ottavio Giordano: “Non siamo abituati a scontrarci contro qualcosa di cui non conosciamo nulla, qualcosa che ci destabilizza e ci sconvolge giorno dopo giorno! Questo “mostro” ci ha strappato dalla nostra quotidianità, ha separato famiglie, ha allontanato tutti noi dai nostri doveri e dalle nostre passioni. Un pensiero particolare va agli eroi dei nostri giorni: i medici, gli infermieri e gli operatori sanitari. Che voi possiate sempre trovare la forza, la fiducia, l’ottimismo e la speranza per poter andare avanti! Un pensiero va anche a tutte quelle persone che operano nel sociale per aiutare coloro che necessitano di un pasto caldo e di un posto dove stare. Che l’umanità, la bontà d’animo e l’altruismo non ci abbandonino mai! In tutto questo caos, in tutta questa fragilità, ricordiamoci sempre di combattere, di essere forti, per tornare a splendere più di quanto non splendessimo già”.

Andrea Cocozza: “Stiamo affrontando una situazione molto dura e complicata, non tanto per noi che l’unica cosa che ci tocca fare é restare chiusi in casa, ma piú per tutte quelle persone che ogni giorno lottano in prima linea per cercare di fermare questo grande incubo. Io sono convinto che uniti e con un po’ di buonsenso da parte di tutti ce la faremo e torneremo piú forti di prima”.

Luciano Ianniello: “Purtroppo c’è ancora tanta ignoranza in giro, forse non hanno compreso la gravità della situazione, bisogna attenersi alle regole per poterne uscire”.

Pasquale Evacuo: “Ci sono momenti nella vita che ci mettono a dura prova, ma è proprio questo il momento in cui non bisogna arrendersi. Tutti insieme ce la faremo: andrà tutto bene”.

Carmine Longobardi: “Ragazzi non temete i momenti difficili, i successi migliori arrivano sempre dopo le grandi battaglie. Quella che stiamo vivendo è una situazione surreale per tutti noi. Ma sono sicuro che torneremo al più presto ad abbracciarci, a correre insieme in campo e a festeggiare le nostre vittorie. E a sentirmi urlare “Forza ragazzi, noi ce la faremo!”. Vi abbraccio virtualmente, il vostro uomo spogliatoio”.

Angelo Ciniglio: “Ci siamo resi conto di trovarci sulla stessa barca, tutti fragili e disorientati, ma nello stesso tempo importanti e necessari, tutti chiamati a remare insieme, tutti bisognosi di confortarci a vicenda. Su questa barca ci siamo tutti. Come quei discepoli, che parlano a una sola voce e nell’angoscia dicono: “Siamo perduti”. Così anche noi ci siamo accorti che non possiamo andare avanti ciascuno per conto suo, ma solo insieme. Forza Virtus”.

Alberto Polise: “Ha superato ogni aspettativa in quanto ha aggravato non poche città ma un intero mondo, superando le precedenti epidemie che ci sono state nei primi secoli. Per combattere tutto ciò è necessario che tutto il popolo dichiari unione verso l’altro. Forza Italia”.

Vincenzo La Pietra: “In questo momento così difficile per l’intera umanità il mio primo pensiero va a tutte le vittime di questo virus e a tutte le loro famiglie. È un dolore enorme ogni giorno pensare a quante persone stanno perdendo la vita. È per questo che ognuno di noi deve contribuire a salvare il mondo da questa pandemia rimanendo a casa per evitare ulteriori contagi e aiutare così gli operatori sanitari nel loro difficile compito di salvare vite umane, perchè in questo momento il calcio sicuramente può aspettare. Prego Dio ogni giorno e sono sicuro che presto col suo aiuto tutto tornerà alla normalità, e anche noi torneremo in campo a divertirci praticando lo sport che tanto amiamo, ne sono certo!”.

Michele Iervolino: “Tutti uniti ce la faremo!”

Foto: campaniafootball.com

Share With: