a

Qui Torre Annunziata. Marano lancia il suo Real Rovigliano: “In campo per dare tutto”

Impresa. Un’altra quella che il Real Rovigliano dovrà provare a costruire domenica per compiere il grande salto in Prima Categoria. Gli oplontini sono un po’ la vera sorpresa degli spareggi promozione: contro ogni pronostico, i giallorossi di Marano hanno vinto il fattore campo, sbarazzandosi della pratica Blue Lion e guadagnando con merito l’accesso all’ultimo atto che chiude una lunga ed intensa stagione.
Un traguardo inimmaginabile, nonostante un buon avvio, fino a gennaio, poi però è arrivata la svolta con l’approdo in panchina di Michele Marano. Una nuova sfida per un tecnico esperto che anche nell’universo femminile ha saputo ritagliarsi il suo spazio, vincendo un campionato di Serie C ed una Coppa Campania: “Quando sono arrivato ho trovato una squadra principalmente demotivata, abbiamo lavorato tanto sulla testa e poi col cambio di modulo i ragazzi hanno cominciato a prendere coscienza dei propri mezzi, credendo nell’impresa. La nostra rimonta è cominciata proprio da una sconfitta, pesante, contro il Blue Lion. A caldo volevo lasciare ma pensandoci bene mi dispiaceva lasciare le cose a metà. Mi sono ripromesso di andare avanti, cercando di fare di tutto per portare la squadra ai play-off”.
Missione compiuta, con tanto di vendetta servita proprio al team di Visciano nella semifinale play-off: “E’ stata una bella rivincita, una vittoria meritata costruita grazie ad una grande prestazione di tutto il collettivo. Segreto? Non ce ne sono stati, la squadra è stata ben messa in campo e le motivazioni, a mio avviso, hanno fatto la differenza”.
L’ultimo step al “Comunale” di Ottaviano. Di fronte la Virtus Vesuvio, terza in campionato e finalista in Coppa Campania: “Squadra completa, costruita con ottimi giocatori e soprattutto ben messa in campo, che esprime una chiara idea di gioco. Domani però dovremo pensare soprattutto a noi, alla nostra umiltà e allo spirito di sacrificio per cercare di vendere cara la pelle”.
Squadra al gran completo per andare all’assalto dei vesuviani: “A parte qualche infortunato di lungo corso potrò contare su tutto il gruppo. Aldilà del risultato, spero che quella di domani sia una vera e propria festa dello sport, uno sport per tutto il movimento ma soprattutto per le due dirigenze, che tra mille sacrifici, cercano di portare avanti e far crescere la propria realtà”.

Share With: