a

Procida-Virtus Ottaviano 4-0. Isolani travolgenti: vesuviani a picco al “Calise”

Sconfitta netta e meritata per la Virtus Ottaviano. Rossoblù travolti nel big match di giornata da un Procida certamente più motivato a portare a casa l’intera posta in palio. Avvio di gara a fuoco lento: grande lotta a metà campo senza che nessuna delle due squadre riesca a prevalere. Equilibrio interrotto al minuto 23 col Procida che mette la freccia praticamente al primo affondo degno di nota grazie alla zuccata vincente di Costagliola. Reazione Virtus che si concretizza sui piedi di Scudo che fredda Lamarra ma il pareggio viene annullato dal direttore di gara per fuorigioco. Dal possibile 1-1 al 2-0. Al 39′ i padroni di casa beneficiano di un calcio di rigore che lo specialista Micallo non sbaglia: raddoppio Procida e squadre a riposo.
Nella ripresa partono meglio gli ottavianesi che provano a riaprire la partita. Subito una ghiotta chance per i rossoblù a cui viene assegnato un calcio di rigore per uno sfortunato tocco di braccio in area da parte di Russo. Dal dischetto però capitan Ciniglio si fa ipnotizzare da Lamarra che congela così il doppio vantaggio. Non è giornata per i vesuviani e lo si intuisce ancor di più di lì a poco con il palo centrato, a pochi metri dalla porta, da Napoletano. Scampato il pericolo, il Procida ne approfitta per chiudere i conti, sfruttando l’arma del contropiede. Al 74′ assist invitante di Costagliola per l’accorrente Cibelli, sinistro a giro che non lascia scampo a Longobardi per il momentaneo 3-0. Prima del triplice fischio gli isolani calano anche il poker: azione molto simile alla precedente, stavolta è Costagliola a riprendersi la scena fulminando l’estremo vesuviano con un destro preciso e potente. Giornata da dimenticare per i rossoblù che escono momentaneamente dalla griglia play-off. Sabato prossimo l’occasione per un pronto riscatto nel match casalingo contro il Plajanum.

Share With: