a

Juniores. Pompeiana-Virtus Ottaviano 3-7, altalena di emozioni a Torre del Greco

Si è chiusa con una goleada la penultima sfida di campionato della selezione juniores della Virtus Ottaviano. I ragazzi guidati dal tecnico Vincenzo La Pietra hanno superato con un pirotecnico 7-3 i pari-età della Pompeiana. Tanti gol ed emozioni per un sfida che i vesuviani rischiavano di compromettere per il pessimo approccio in avvio di ripresa. Ma procediamo con ordine: inizio di gara a fari spenti da parte di entrambe le compagini, condizionate dalle dimensioni piuttosto ridotte del rettangolo di gioco. Dopo venti minuti la Virtus rompe il ghiaccio e si porta in vantaggio con Joel, bravo ad approfittare di un rilancio di Varriale, per firmare lo 0-1. Palla al centro e i rossoblù firmano il raddoppio con Gaviglia, ben assistito da Accardo, che dribbla anche il portiere prima di depositare in rete il cuoio del 2-0. Non è finita qui, prima dell’intervallo arrivano altre due reti, una per parte: De Marco, con una conclusione sul primo palo, firma il tris poi però arriva la reazione dei pompeiani che approfittano di uno svarione difensivo per firmare l’1-3 prima di rientrare negli spogliatoi.
Come precedentemente annunciato, la ripresa per i rossoblù comincia nel peggiore dei modi. La Pompeiana approfitta del pessimo approccio degli ottavianesi ed in due minuti mette a segno un micidiale uno-due che riporta in parità la sfida. Al minuto 48 i padroni di casa potrebbero anche ribaltarla perché beneficiano di un calcio di rigore, ma dagli undici metri Varriale è provvidenziale, respingendo la conclusione del cecchino locale. La Pietra corre ai ripari, compiendo in un colpo solo ben tre sostituzioni: fuori Gaviglia, Accardo e Quaranta, dentro Falco, Cocozza e De Risi. Reazione d’orgoglio della Virtus che cambia registro e riprende in mano le redini del match: De Marco firma il nuovo sorpasso imbeccato da Falco che poi, cinque minuti più tardi, sveste i panni dell’assist-man, siglando in diagonale il 5-3. Gara in discesa per i rossoblù che prima del triplice fischio firmano l’allungo con Caliendo prima e Falco poi (quest’ultimo direttamente su punizione, ndr) per il definitivo 7-3.
A fine gara l’analisi del tecnico della Virtus, Vincenzo La Pietra: “Il risultato ci soddisfa, la prestazione è stata però a corrente alternate. Mi sono già fatto sentire negli spogliatoi, non possiamo rischiare di rovinare quanto di buono costruito nel primo tempo con un avvio di ripresa così disastroso. Dobbiamo lavorare e tanto sotto questo aspetto se vogliamo crescere, anche guardando al prossimo anno. In questo senso, sono contento invece per chi, da subentrato, ha dato il suo contributo, mi riferisco a Falco e De Risi; positive anche le prestazioni di Giugliano e Guarro”. Parole d’elogio, infine, anche per il portiere Varriale: “Non ha vissuto un momento facile, è stato a lungo fuori per infortunio ma sia io che la società abbiamo saputo attendere il suo ritorno, abbiamo riposto grande fiducia in lui e ci sta ripagando col massimo impegno sia in partita che durante gli allenamenti. Ora pensiamo a chiudere in bellezza questo campionato, lunedì prossimo ci aspetta una sfida difficile contro l’altra grande protagonista del girone, il Sant’Agnello”.

Share With: