a

Woman Napoli. Capolavoro Iamunno in Coppa Italia: “Final Four? Grande merito alle ragazze”

Luci della ribalta a Marigliano. Fari puntati sulla Woman Napoli, una splendida ‘creatura’, plasmata da un ottavianese doc, Vincenzo Iamunno, che domenica ha reso ancor più celebre la sua stagione, conquistando tra le mura amiche la qualificazione alle Final Four di Coppa Italia di categoria.
Ottaviano sorride non solo per la guida tecnica ma anche per il fattivo contributo offerto in campo da Ponticiello, Rapuano, Razza, Mansi e Fiengo, lo zoccolo duro della Fulgor che fu: “Sono molto soddisfatto per la prestazione – commenta ai nostri microfoni coach Iamunno -, la squadra ha cercato la vittoria con determinazione e voglia di arrivare. Avevamo preparato la partita con molta attenzione ed è venuta fuori una prestazione decisamente buona sia sotto l’aspetto tattico che tecnico”.
Straordinaria la cornice di pubblico al “PalaAliperti”, che ha letteralmente spinto le ragazze nel 2-1 imposto al Fondi nelle battute finali: “Non si vedeva un palazzetto così gremito da tanto tempo, giocare con così tanta gente al seguito ti regala emozioni indescrivibili, rappresenta quel quid in più che ci ha permesso di avere la meglio. Al triplice fischio poi c’è stata poi una vera e propria esplosione di gioia, le ragazze a stretto contatto col pubblico hanno festeggiato sulle celebri note de “‘O surdato’nnammurato”, è stato qualcosa di unico…”.
La vetrina tricolore rende ancor più speciale una stagione in cui Iamunno e la sua Woman Napoli si stanno ritagliando il proprio spazio tra le grandi: “La speranza è sempre quella di poter essere quanto più competitivi. La qualificazione alle Final Four va proprio in questa direzione, è una vetrina importante e cercheremo di onorarla al meglio. Grande merito alle ragazze, a questo gruppo unico che lavora con grande sacrificio e con la voglia di migliorare sempre. Sono maniacale nei miei insegnamenti e durante le sedute, per cui – davvero – onore e merito a tutte le ragazze che credono in quello che facciamo”.
Poco più di un mese separa le azzurre dall’atto conclusivo della coppa (semifinali e finali in programma il 13 e 14 marzo, sede ancora da definire, ndr), ora testa e cuore al campionato: “Abbiamo gioito quanto basta, ora tocca riprendere il nostro cammino in campionato. Siamo in scia alle grandi del torneo, profilo basso e tanto lavoro per continuare il nostro cammino”.

Share With: