a

Fulgor Octajano. Rossoblè in vetta ma Iamunno predica calma: “Siamo solo all’inizio…”

Chapeau Fulgor Octajano. La compagine rossoblù fa il pieno di vittorie e dopo quattro giornate è in testa al campionato, in solitaria e a punteggio pieno. La classifica, insomma, sorride a Ponticiello e compagne ma guai a cantar vittoria. Calma e gesso, questo il mantra del tecnico vesuviano Enzo Iamunno, intercettato in esclusiva dalla nostra redazione per parlare del grande avvio di stagione delle sue ragazze: “É stata una settimana intensa, purtroppo ci siamo potuti allenare poco in virtù del doppio impegno. Solo allenamenti di rifinitura e di preparazione alle gare con Salernitana e Noci, le ragazze hanno gestito bene la settimana, non era facile, e di questo mi congratulo con loro, sono molto soddisfatto del buon inizio di campionato. É chiaro che i buoni risultati giovano sull’umore della squadra, ma sono altrettanto consapevole che siamo solo all’inizio di un lungo viaggio. La vittoria con il Noci é stata emozionante, sapevamo di affrontare una delle migliori squadre del girone, abbiamo saputo soffrire e siamo stati bravi nel capitalizzare le occasioni, la New Team mi ha impressionato in quanto a qualità e fantasia e sono convinto che alla lunga saprà far valere tutto il suo spessore. Primato? Non guardo la classifica, ma preferisco concentrarmi partita dopo partita, il primato ad oggi non serve, anche perché siamo ad ottobre e non ad aprile”.
Gruppo storico confermato in blocco e mercato oculato alla ricerca delle pedine giuste per rimpinguare l’organico: “Quest’anno abbiamo ampliato il roster delle atlete, al ‘vecchio telaio’ abbiamo integrato delle splendide persone prima che giocatrici, e di questo va dato merito ad un’atleta esemplare: un capitano speciale (Maria Ponticiello, ndr). Quest’anno, d’altronde – continua il tecnico ottavianese doc – ho cambiato tipologia di lavoro e al momento sembra funzionare, anche se dobbiamo fare ancora tanto, insomma c’è ancora molto da fare”.
Testa e cuore ai prossimi impegni: “Continueremo a lavorare con umiltà e sacrificio per migliorare ciò che abbiamo fatto l’anno scorso, sperando di fare sempre meglio. Il viaggio è lungo e difficile, restiamo con i piedi ben saldi a terra e mantenendo il massimo rispetto per le nostre avversarie. Rapuano in gran spolvero? Non mi piace stilare la classifica dei singoli, sono convinto che Manuela, come tutte le altre del resto in base alle proprie caratteristiche, stanno dando del loro meglio. Se parliamo di collettivo, non posso esimermi dal dire che è un piacere lavorare con giocatrici che oltre a impegno, passione e ‘tolleranza del mister’ ci mettono sempre qualcosa in più”.

Share With: