a

2019: l’anno zero del futsal ad Ottaviano

Ricomincio da…zero. L’incipit del celebre capolavoro cinematografico di un maestro come Massimo Troisi calza a pennello per definire la stasi generale attorno a quel pallone a rimbalzo controllato.
Quel cuoio, ad Ottaviano, ha definitivamente arrestato la sua corsa: dopo quasi vent’anni, il piccolo comune dell’hinterland vesuviano rischia seriamente di sparire dalla geografia del futsal regionale.
Poco più di un anno fa (clicca qui per rileggere l’articolo, ndr) denunciammo la crisi – strutturale ed economica – che minava la passione per uno sport in costante evoluzione. 365 giorni dopo il bilancio è a dir poco paradossale: non c’è più alcun club affiliato tra FIGC Campania e Divisione Calcio a 5 che rappresenti la nostra comunità.
Il caso più eclatante riguarda la Fulgor Octajano Woman. Unica rappresentante in ambito nazionale, dopo aver accarezzato il sogno play-off, in silenzio, è sparita dai radar. Non un post sui social, nessun comunicato diffuso: una notizia certificata dalla Divisione al termine delle iscrizioni e dal grande esodo di mercato con destinazione Marigliano, sponda Woman Napoli. Una parabola lunga tre anni: l’apice dopo appena una stagione, grazie al doblete coppa-campionato; poi, in concomitanza con l’approdo in A2, è cominciata l’inesorabile discesa. Il doppio trasloco tra San Sebastiano al Vesuvio e Pagani, una salvezza ed un play-off sfiorato nell’anonimato di una piazza che ha ben presto smesso di seguire la squadra una volta varcati i propri confini.
Metamorfosi – perchè tale è stata – completata per l’Atletico Saviano Ottaviano. In principio fu Polisportiva Ottaviano San Gennarello, poi la fusione ed il trasferimento al “PalaCiccone” prima dell’ultima mutazione in Atletico Saviano Fressuriello. Ottaviano sparita anche in ambito burocratico: l’ultimo cavillo, quella spallata che un po’ tutti immaginavano già l’anno scorso, una volta esaurita l’attesa – poi convertita in delusione – per l’ultima tornata elettorale.
Dulcis in fundo, la singolare quanto fulminea esperienza in quarta serie di Ottaviano Calcio a 5 e Città di Ottaviano Calcio a 5. Nomi simili, “progetti” diversi ma dal finale anonimo. A partire dal rendimento: incostante, con pochi sussulti (derby su tutti, ndr) senza un reale obiettivo da inseguire ancor prima di chiudere il girone d’andata. La morale? Ad oggi, per entrambe, l’iscrizione al prossimo campionato rientra tra i concetti puramente utopistici. Sipario.

Share With: